Come Calcolare I Tassi di Cambio Nel Forex Trading

Notizie sulla Finanza

Conoscere i tassi di cambio e come vengono calcolati è utile non solo per chi viaggia, ma anche e soprattutto per gli investitori internazionali. E anche se prezzi e tassi di cambio sono relativamente facili da trovare oggi su internet, leggerli e calcolarli nel modo corretto potrebbe risultare più difficile. In questo articolo vedremo come leggere e calcolare i tassi di cambio, analizzando anche i fattori da cui sono maggiormente influenzati.

Oggi i tassi di cambio possono essere letti e calcolati da diverse fonti, che vanno dalle banche commerciali ai siti specializzati come ad esempio XE.com. I viaggiatori in cerca della semplice conversione spesso possono trovarle pubblicate negli aeroporti o nelle banche locali, mentre i forex traders possono trovarli sulle piattaforme di trading, in cui sono presenti i tassi di cambio in tempo reale. Visto che parliamo di valute, il dollaro americano e l’euro sono oggi le coppie di valute più scambiate al mondo. Quando nel forex si legge la dicitura “EUR/USD” significa il numero di dollari americani necessari per l’acquisto di un euro. Queste coppie di valute “fluttuano” per tutto il tempo a causa di vari fattori economici, tra cui domanda/offerta, vari indicatori economici, attività commerciali, hedge fund ecc. Durante queste fluttuazioni, le variazioni ammontano a frazioni del valore di una moneta, note come “pips” (ad esempio, un pip USD vale $ 0,0001).

Come Calcolare i Tassi di Cambio

Calcolare i tassi di cambio può sembrare semplice all’apparenza, ma è facile confondersi per chi non ha molta dimestichezza con la matematica! Mentre la conversione di € 100 in valuta estera non rappresenta un grosso problema quando si viaggia, la conversione di valute quando si analizzano dei titoli esteri bilancio può risultare complessa. L’obiettivo di tutti i trader che operano nel Forex è quello di valutare le condizioni del mercato ed in base ad esso scambiare una coppia di valute, nella speranza che le previsioni si avverino e le valute acquistate subiscano un aumento del proprio valore. Diamo un’occhiata ad un esempio sul come calcolare correttamente i tassi di cambio.

Un tasso di cambio è il rapporto del valore di una valuta rispetto ad un’altra. Se per esempio prendiamo in considerazione la coppia EUR/USD, il tasso di cambio indica quanti Euro sono necessari per acquistare un Dollaro, o al contrario quanti Dollari è necessario spendere per acquistare un Euro. Le valute nel forex non vengono mai prese singolarmente, ma in coppia (EUR/USD, EUR/GBP, USD/JPY). Di conseguenza non sentirai mai parlare solo dell’euro o del dollaro, o del franco svizzero, ma dell’euro in relazione al dollaro o al franco. Questo perchè nelle transazioni Forex avvengono simultaneamente l’acquisto di una valuta e la vendita di un’altra. Supponiamo che il tasso di cambio EUR/USD sia di 1,20 e che si desidera convertire $100 in €. Innanzitutto, la prima valuta è chiamata numeratore ed è posizionata prima del simbolo slash (/) e rappresenta la valuta “base”. L’altra valuta invece è chiamata contatore o valuta quotata. Il tasso di cambio indica quante unità di una valuta quotata devi acquistare per vendere un’unità della valuta base. Tornando al calcolo precedente, quindi, sarà sufficiente dividere $ 100 con 1,20 e il risultato darà il numero di euro corrispondenti (€83.33). La conversione dell’Euro in dollari statunitensi comporta invertire il processo moltiplicando il numero di euro per 1,20, che come risultato darà il numero di dollari statunitensi corrispondenti. Un modo semplice per ricordare questo è che si deve usare la moltiplicazione della valuta di sinistra con quella destra (EUR x USD) e dividere quella di destra per quella di sinistra (nel nostro caso USD : EUR). Nell’esempio di cui sopra, abbiamo diviso da destra a sinistra per determinare quanti euro si potrebbero acquistare con i dollari statunitensi e poi moltiplicato da sinistra a destra per vedere quanti dollari avremmo ricevuto da una somma in Euro.

Come abbiamo visto, leggere e calcolare i tassi di cambio non è molto difficile. Tuttavia, alcuni piccoli errori possono spesso portare a grandi perdite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *